‘Round about midnight

01/10/2019

Capita solo per un brevissimo periodo dell’anno.  Esco per la solita passeggiata che è l’imbrunire e torno che è buio.  Capita a ridosso del cambio dell’ora, a ridosso del ritorno all’ora solare.  In questa fugace atmosfera di transizione, mi piace rallentare il cammino e guardarmi attorno, mentre ascolto un po’ di jazz.

Passo a ridosso del muro di un agglomerato di vecchie case.  Alcune finestre sono illuminate, alcune aperte.  Un soffitto in travi di legno scuro, ben tenuto, stride con l’esterno dell’edificio.

'ROUND ABOUT MIDNIGHT
©attornoallago

Arrivo alla chiesa e come sempre mi giro a guardarla.  Un edificio imponente col suo campanile illuminato proprio nel punto in cui c’è l’orologio.

Salendo prima e scendendo poi, ci sono dei punti bui e senza case dove la vista può spaziare fino al profilo delle colline, soffermandosi sulle poche luci che punteggiano paesi lontani.

Di fronte, un sottile filo di luna gioca a tuffarsi tra le nuvole, più e più volte.

In una piazza antica una lapide di marmo bianco quasi illeggibile ricorda i caduti di una guerra lontanissima.  Di fianco ad essa era stata fissata un’insegna raffigurante una cornetta telefonica, simbolo dimenticato come il cartello stesso.

Nelle case, ogni tanto si riconosce la presenza di negozi che dovevano essere stati attivi tanto tempo fa.  Ora sono solo ricordi di un’altra epoca, quando i paesi erano più distanti tra loro.

La brezza spazza via un po’ dell’odore di gas di scarico, così che a volte si può sentire odore di sigarette fumate vicino ai davanzali, altre volte quello di gustose preparazioni culinarie.  In vicinanza dei campi a farla da padrone è il letame, ma riconosco anche il profumo insistente di fiori celati dal buio.

In lontananza, case appoggiate sui campi deserti vengono illuminate come se dovessero fare parte di un presepio.

Gatti, immobili nel loro nascondiglio, mi scrutano con preoccupazione, sul muso stampato lo stupore per averli scoperti.

Lentamente faccio ritorno a casa con la testa piena di immagini accompagnate dal sax di John Coltrane.  Stasera è buona per scrivere.

4 pensieri su “‘Round about midnight

    1. Thank you so much Steve! It’s a very beautiful compliment, I am very pleased to have been able to “take you” to walk in my places.
      By the way, I wanted to tell you that I really liked the idea of the backpack for Muffins. Wonderful! But do you realize that you always leave half the world in suspense?🙈😅😂

      Piace a 1 persona

      1. My pleasure Ross!
        I wanted to give Muffin something a little different this time, and it’s amazing what she has in that little backpack! I have to leave in suspense like that so people will come back!
        I finally found a pic of that palace that I have permission to use on my blog so that will be a nice addition.
        Enjoy your evening!😀😺🌙

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...